09 Dicembre 2022

4. Colle San Magno

La nascita di Colle San Magno
La tradizione vuole che nel corso dell’VIII secolo una parte degli abitanti di Aquino, distrutta dai Longobardi, trovassero riparo sulla cima del monte Asprano, luogo inospitale ed appunto aspro ma che presumibilmente aveva delle persistenze di epoca pre-romana, come ha individuato di recente il Coarelli, segnalando l’esistenza di mura poligonali che costituirebbero lo stanziamento dell’Aquinum volsca (sec. IV a.C.).
Intorno agli inizi dell’XI secolo, i gastaldi di Aquino, per fermare l’espansionismo dell’abbazia di Montecassino, che aveva fatto erigere un insediamento fortificato sul versante meridionale dello stesso monte, il castello di Roccasecca (994), fecero innalzare un maniero che prese il nome di Castrum Coeli.
Un’altra fonte è quella che, nel 1231, vede la fortificazione del castrum da parte di Federico II di Svevia che lo include nella serie di castelli da lui restaurati o completamente ricostruiti situati nel Lazio meridionale.
L’antropizzazione del monte portò a scontrarsi con problemi logistici come le carenze idriche che mossero la popolazione al ritorno in valle. Edificando un villaggio che prese il nome di Cantalupo, tale ubicazione mal si conciliava con un’efficace organizzazione difensiva, cosicché l’abitato fu spostato più a nord-est dove la presenza di un poggio offriva l’opportunità di creare un centro fortificato con mura di cinta, torri di difesa e porte.
L’agglomerato urbano prese il nome generico di “Colle” a cui fu aggiunto il nome del suo protettore “San Magno” dall’omonimo vescovo di Trani.Nei primi decenni del 1300, nei pressi del Castrum Coeli, fu eretta una chiesetta dedicata a S. Maria Assunta in Cielo a servizio pastorale delle comunità di Colle San Magno e di Palazzolo.

Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie